Chi siamo

Discendente da un' antica famiglia da sempre impegnata nella lavorazione e nella commercializzazione del corallo, Lello Orlando inizia la sua avventura imprenditoriale verso la fine degli anni ottanta assumendo il controllo dell'azienda di famiglia al posto del padre Raimondo.  dannato Avvalendosi della collaborazione del fratello Sandro e di valevoli maestri artigiani, ha svolto da sempre la propria attività acquistando i migliori coralli grezzi pescati in tutto il mondo lavorandoli secondo antichissime tecniche tramandate da generazioni secondo il motto "Il corallo migliore per il taglio migliore". Le forme realizzate sono le più svariate, dai tagli classici a quelli più fantasiosi, secondo i gusti e le esigenze di una clientela sempre alla ricerca del meglio offrendo un prodotto di alta qualità.    

Normative

Dal primo luglio 2008 su richiesta della Cina le specie di corallo provenienti dall’ Asia (corallium secundum, corallium elatius, corallo japonicum e corallium konojoi) sono entrati in terza appendice Cites. Dopo tale data, la compravendita internazionale al di fuori degli stati membri dell’ Unione Europea delle suddette specie è regolamentata secondo la legislazione vigente che ha recepito le norme internazionali in materia scaricabili dal sito ufficiale della Cites: www.cites.org

Qui di seguito riportiamo alcuni dei punti fondamentali di tali norme internazionali che variano a seconda se la compravendita è effettuata tra operatori del settore o tra operatori e privati.

COMPRAVENDITA TRA OPERATORI:

COMPRAVENDITA IN TERRITORIO NAZIONALE O NELL’AMBITO DELLA U.E.

Se la compravendita avviene nell’ ambito del territorio nazionale o dell’ UE non serve documentazione Cites alcuna.

IMPORTAZIONI EXTRA UE

1. Quando si importa da un paese extra UE diverso dalla Cina chiedere al proprio fornitore di spedire la merce con un “certificato di origine” e di inserire nella descrizione della fattura il nome scientifico della specie di Corallo acquistato. Quando la merce arriva in dogana, bisogna richiedere al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato) di eseguire una “notifica di importazione”.

2. Quando si importa dalla Cina chiedere al proprio fornitore di spedire la merce con un documento Cites valido per la vendita e di inserire nella descrizione della fattura il nome scientifico della specie di Corallo acquistato. Quando la merce arriva in dogana, bisogna richiedere al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato) di eseguire una “notifica di importazione”.

ESPORTAZIONI EXTRA UE

Quando si vende in un paese extra UE bisogna richiedere al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato) di emettere un “certificato di ri-esportazione” ottenibile secondo la presente procedura:

1. Se i coralli da ri-esportare sono stati importati prima del 1 Luglio 2008, basta presentare la fattura di vendita con il nome scientifico delle specie da ri-esportare e la fattura di acquisto del proprio fornitore con la copia della bolla doganale che comprovi che le specie sono state effettivamente importate in data antecedente al loro ingresso in convenzione Cites.

2. Se i Coralli sono stati importati dopo il 1 Luglio 2008 allora bisogna presentare al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato) la fattura di vendita indicante il nome scientifico della specie da ri-esportare e la copia della “notifica di importazione” prodotta all’ importazione.

Molto spesso capita nella pratica commerciale che chi deve riesportare non sia lo stesso che ha importato, per questo chiaramente ci deve essere un rapporto di reciproca fiducia e comprensione tra cliente e fornitore in modo da poter, da un lato, fornire tutte le informazioni necessarie per l’ ottenimento della certificazione Cites, e dall’ altro garantire la privacy commerciale in modo da tener segrete determinate informazioni.

Potrebbe capitare dunque che un’ azienda che deve spedire dei corallium in convenzione in paese extra UE, per ottenere il certificato di ri-esportazione, debba chiedere al proprio fornitore copia delle  bolle doganali e delle fatture d’ acquisto dalle quali si evince dove è stata acquistata la merce e quanto è stata pagata, chiaramente queste informazioni riservate possono essere tranquillamente criptate annerendo il nome e l’ indirizzo della ditta produttrice e il valore della merce. Queste informazioni infatti non servono al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato) ai quali interessa soltanto conoscere la data di importazione, le quantità e la descrizione della merce con il nome scientifico delle specie, tutte le restanti informazioni possono essere eliminate.

COMPRAVENDITA TRA PRIVATI O TRA UN OPERATORE DEL SETTORE ED UN PRIVATO.

Se la compravendita avviene tra due privati o tra un operatore del settore ed un privato non residente in uno dei paesi dell’ UE, non è richiesta alcuna documentazione Cites. In casi rari qualche paese potrebbe prevedere una legislazione molto restrittiva che preveda la necessità di un certificato Cites turistico la cui procedura di rilascio è molto semplice ed elastica e viene effettuata anche preventivamente facendo una richiesta al personale addetto all’ emissione dei certificati Cites del proprio paese (in Italia il corpo forestale dello Stato), presentando semplicemente la fattura d’ acquisto. Consigliamo ai negozi che hanno specie di corallium in appendice nel proprio assortimento di fare una richiesta preventiva in modo da poter rilasciare al cliente straniero immediatamente all’ atto della vendita il certificato di riesportazione turistico.

Richiedi un preventivo

Siamo specializzati in tagli particolari ed esclusivi su richiesta. Potete richiedere senza alcun impegno un preventivo a titolo gratuito inviandoci un campione in scala o a grandezza naturale di qualsiasi materiale (cera, legno, plastica, metallo ecc.) o anche solo un disegno nelle diverse prospettive della pietra in corallo che desiderate realizzare, con le relative dimensioni e tonalità dei colori come da nostre tabelle qui di seguito riportate.  

TABELLA TONALITA’ COLORI DEL CORALLO ROSSO-SALMONE

S8000406

TABELLA TONALITA' COLORI DEL CORALLO ROSA-BIANCO

S8000416

Contatti

LELLO ORLANDO SRL
Corso Vittorio Emanuele, 153
80059 Torre del Greco (NA) - ITALY
Tel.: +39 081 8823301 / Fax: +39 081 8813881
email: info@orlandolello.com

Siamo presenti alle seguenti fiere e saloni internazionali:

- Vicenza Pad. 3 Stand N° 195
- Munich " Inhorgenta " Pad. C1 Stand N° 501
- Hong Kong HKIJS (Marzo) AWE
- JGF (June ) CEC 3F 503
- JGF (Sept) WAE 10 T 05

Richieste informazioni

Nome (required)

Email (required)

Oggetto

Messaggio